se non vuoi perderti nemmeno un post...

lunedì 12 novembre 2018

INDOVINA CHI VIENE A CENA AL BALADIN OPEN GARDEN: IL BEERMOUTH

Amo la coerenza e quando si parla di Baladin questa è garantita: ogni volta che metto piede qui a Piozzo le sorprese non mancano. 
Teo Musso, mente geniale e anima artigiana, ha reinterpretato la tradizione piemontese attraverso la birra artigianale. Il Piemonte e i suoi sogni sono di nuovo insieme per creare qualcosa di unico, un grande capolavoro di gusto.

Il 23 ottobre è stata l'occasione per presentare ufficialmente il nuovo nato: il BEERMOUTH di Birra Baladin.
Figlio della visione e dell’esperienza di Teo Musso nell’ambito della birra e nell’uso delle spezie, e dell’immaginazione e sperimentazione di Dennis Zoppi e Giacomo Donadio, creatori di gusti e di contaminazioni tra mondi distinti.

Ecco il racconto di una serata in onore del Beermouth, Bevanda Spiritosa - Spirit Drink, negli spazi del Baladin Open Garden.

Innanzitutto... cosa è il Beermouth? È un prodotto innovativo e al tempo stesso fortemente ispirato dalla tradizione. Nasce dall'unione di una birra di grande personalità e struttura con una miscela di selezionatissime spezie ed erbe aromatiche, estratte attraverso tecniche all'avanguardia.

Il Beermouth si caratterizza per un colore ambrato, note speziate e moderatamente balsamiche, gusto elegante ed equilibrato con un punto agrumato, finale persistente e piacevolmente acido.

 

Per fare questo spettacolo di gusto Teo ha preso dalla sua "Cantina Baladin" la più pregiata di tutte le birre, la XIAUYÙ [quella che Teo distribuisce ai visitatori come eucarestia al termine della sua messa-visita domenicale nel birrificio] e dopo molti assaggi, confronti e prove con i suoi amici d'avventura è arrivato a questa nuova creazione.

Un aspetto che mi dà un'emozione particolare, in questa stagione di modernità frettolosa o moderna frettolosità, è proprio l'idea di avere pazienza, di aspettare, di provare e riprovare ancora sino a quando il gusto non è completamente appagato, senza fretta.
Solo allora il Beermouth è arrivato ad essere un prodotto che può comunicare emozioni.

L'idea di Dennis e Giacomo è quella di dare un nuovo classicismo al percorso della miscelazione di gusti ed in questo hanno voluto provare a trasmettere nuove sensazioni con una creazione unica insieme a Teo. I due bartender si sono messi alla prova per andare oltre la frontiera classica della miscelazione, creando una contaminazione tra birra artigianale e mondo della mixology, proprio nel Piemonte dove è nato il Vermouth che è l'ispirazione per reinterpretare la tradizionale bevanda alcolica attraverso la birra.


Lo chef di Casa Baladin Christian Meloni Delrio ha creato gli squisiti piatti della serata, accompagnati dalle ideazioni miscelatorie a base di Beermouth e Birra Artigianale di Dennis Zoppi e Giacomo Donadio.

 
Benvenuto dello chef accompagnato da "Bellini... ma non troppo"
Trota fario marinata, crescione d'acqua accompagnato da "Ma mi faccia il braciere!"
Palamita, soia e shiso accompagnato da "Orientandosi meglio"
Raviolo pizzicato a mano con ripieno liquido alla toma di capra accompagnato da "Andando in brodo di Beermouth"
Il piccione, il suo fondo alla birra e la Creme brulée di foie gras accompagnato da "Cinerina canaglia"
Cioccolato e fungo accompagnato da "Beermouth da tartufo"
Granita al Beermouth

La serata non poteva che finire con una sperimentazione della nuova creazione di Teo: il Beermouth interpretato da quattro spettacolari bartenders, maestri di miscelazione di fama internazionale.

David Rios, con oltre 20 anni di esperienza nel mondo dell’ospitalità, è un pluri-premiato bartender, non ultimo il fatto che nel 2013 è stato il miglior bartender nel circuito internazionale della “Diageo Reserve World Class”.
Erik Lorincz diventa capo bartender al “Savoy American Bar” nel 2010. Appena dopo “Tales of the Cocktails” 2011 in New Orleans, “Savoy American Bar” è stato nominato come il miglior Hotel Bar del mondo, e Erik come miglior bartender dell’anno a livello internazionale. “The American Bar” nel 2017 raggiunge la posizione No. 1 tra i migliori cinquanta bar del mondo.
Franco Tucci Ponti è professore presso il primo bachelor italiano dedicato al Food e beverage management presso la Food Genius Academy a Milano. Bartender e consulente per diverse realtà in Italia tra cui Bosco Brera, Al Cortile, Fonderie Milanesi e Tombon de San marc.
Marian Beke dalla Slovacchia a Londra ha aperto il suo bar in Old Street chiamato “The Gibson”. “The Gibson” è stato classificato nel suo primo anno come miglior bar europeo e al sesto posto tra i 50 migliori bar del mondo.
 
 
 
 
Quello tra Teo Musso, Dennis Zoppi e Giacomo Donadio è un incontro di passioni che ha posto le basi per un nuovo modo di intendere la birra e di concepire bevande d'eccellenza nell'ambito della miscelazione. Noi tutti ne abbiamo goduto e posso personalmente confermare quanto scritto in etichetta: "Ottimo bevuto liscio come aperitivo o a fine pasto e per la miscelazione."

Complimenti a Teo Musso e grazie ancora per aver complicato la vita a Christian Meloni Delrio: il suo cioccolato e fungo è stato la punta di diamante di un viaggio tra sapori strepitosi e incredibili variazioni di Beermouth.

È sera, sono qui a scrivere di Beermouth e lo sorseggio con un cubetto di ghiaccio. Chi l'avrebbe mai detto, 32 anni dopo il primo pensiero lungimirante di birra artigianale nelle Langhe, caro Teo è ancora tutta colpa tua.  E quindi... più Beermouth per tutti, salute!

Grazie a tutto il mondo Baladin per la meravigliosa esperienza.


se vi è piaciuto il mio post e volete ricevere gli aggiornamenti sui prossimi, potete seguire le mie pagine: