se non vuoi perderti nemmeno un post...

domenica 28 ottobre 2018

28 OTTOBRE: UN COMPLEANNO NELL'ACQUA

Acqua nelle declinazioni di mare, lago, fiume, ma anche cascata, piscina e ruscello è il mio elemento naturale preferito.
Nulla contro il fuoco. Mi affascina, riscalda ed è utile per cucinare. L'aria mi piace, anche se la trovo poco consistente. La terra è magica perché mi tiene ancorata al suolo e da essa arrivano i prodotti che più amo, ma non mi basta. L'acqua... L'acqua è il tutto.


Quando un po' di anni fa mi sono trasferita dalle colline al mare, ho iniziato il mio rapporto quotidiano con l'acqua. Ogni mattina dalla mia finestra guardo il mare prima vicino, oltre la linea dei tetti del borgo marino e addossato ai promontori, poi più in là, dove si vedono le barche a vela e le navi che partono per il loro viaggio. Poi laggiù, lontano, dove finisce il mare e inizia il cielo.
Proprio quella è l'acqua che va verso l'infinito, che si colora e che colora il cielo.

 
 
L'acqua è vita. Sgorga anche dove domina il deserto ed è il punto di riferimento di ogni grande città.
Adoro sentire sul viso quella sensazione di freschezza, che a volte in autunno diventa freddo pungente, quando attraverso un ponte o cammino lungo la sponda del fiume.

 
  
L'acqua è il cibo degli occhi. Il panorama perfetto delle mie cene migliori. Guardare il mare infinito mi riempie di gioia, mi rasserena, mi esalta, mi annichilisce. Mi nutre.
L'acqua mi cattura e mi distrae, perdo il filo e i pensieri volano.

 
L'acqua è la compagna perfetta. Non mi sento mai sola quando è davanti ai miei occhi. E non sono sola. Sulla riva del mare o sulla sponda del lago ci sono donne e uomini che raccontano storie, seduti con il libro in mano.

 
Questo scatto è di Anna Boyiazis ed è l'acqua più bella del mio 2018 fotografata a Roma al World Press Photo 2018 - Una foto che da sola racconta una storia d'acqua, una storia di vita: Difficilmente le ragazze che vivono nell'arcipelago di Zanzibar imparano a nuotare. Ma nel villaggio di Nungwi l'istruttrice di nuota Chena (17 anni) schiocca le dita mentre scompare sott'acqua, nel mare che bagna il villaggio. 
Sentite anche voi il delicato schiocco? Bene, questa è acqua.



se vi è piaciuto il mio post e volete ricevere gli aggiornamenti sui prossimi, potete seguire le mie pagine: