se non vuoi perderti nemmeno un post...

martedì 24 giugno 2014

domenica 22 giugno 2014

LA MIA PARMIGIANA DI MELANZANE

Ecco un piatto dal sapore d'estate, veloce, leggero e gustosissimo!
In tavola è gioia per gli occhi e per il palato, adatta a tutti, anche a chi è attento all'alimentazione.
Infatti non occorre friggere le melanzane per ottenere una pietanza succulenta e golosa.


sabato 14 giugno 2014

GENOVA E IL MAGICO MONDO DI LUZZATI

genova è una città magica
e mi da un sacco di soddisfazioni ogni volta che ci vado

il compleanno di lupo alberto è stata l'occasione per
tornare al museo luzzati

e poi un bel giro nei vicoli perché non si finisce mai di scoprire

www.isegretideivicolidigenova.com





se vi è piaciuto il mio post e volete ricevere gli aggiornamenti sui prossimi, potete seguire le mie pagine:



domenica 8 giugno 2014

MANGIARE A REGGIO EMILIA: BOLLITO MISTO DA CANOSSA

ecco un ristorante che proprio non può mancare
in una visita a reggio emilia - mappa

il ristorante canossa,
aperto la domenica, e per reggio non è una dritta da trascurare,

mi ha deliziato con un bollito misto accompagnato
da salse casalinghe di antica tradizione e da mostarda
che così buona la si trova solo da queste parti

ho incontrato lo chef bruno barbieri
a conferma che qui c'è la cucina reggiana doc...


da via roma

al tavolo



se vi è piaciuto il mio post e volete ricevere gli aggiornamenti sui prossimi, potete seguire le mie pagine:



martedì 3 giugno 2014

LA FARINATA DELLA DANI

La farinata è un piatto povero della tradizione ligure diffusa anche in Toscana, in Piemonte e in Sardegna. Oggi è conosciuta ovunque ed è diventato un fantastico street food.

Ecco la ricetta della mia farinata:
In una ciotola capiente versate l'acqua e, aiutandovi con una frusta per evitare la formazione di grumi, versate a pioggia la farina di ceci (setacciata).

Lasciate riposare per qualche ora e mescolate di tanto in tanto (la tradizione consiglia un riposo di almeno 5 ore, mescolando ogni ora, mi è capitato di prepararla dopo un riposo più breve, il risultato è stato comunque ottimo).
Dopo il riposo, con l'aiuto di una schiumaiola, eliminate l'eventuale schiuma che si è formata.

Aggiungete, mescolando e poco alla volta, l'olio extra vergine di oliva e il sale.

Spennellate con abbondante olio una teglia con i bordi bassi dal diametro di circa 35 cm, versate il composto e cospargete con gli aghi di rosmarino, infornate in forno caldo a 220° per circa 20 minuti.

Servitela come preferite... calda, tiepida o fredda, è sempre una delizia!

Io l'ho gustata tiepida insieme al meraviglioso "cinquantino", un salame di culatello prodotto interamente con carni italiane che ho avuto il piacere di assaggiare a cibus 2014, durante i loro festeggiamenti per i 50 anni di produzione...

... perché, come già ben sapete, i love italian food