se non vuoi perderti nemmeno un post...

sabato 19 giugno 2021

BRUTTI MA BUONI: I BISCOTTI DI MERINGA E NOCCIOLE TIPICI PIEMONTESI

Se la cucina è la sintesi di un territorio i Brutti ma Buoni per me sono sinonimo di Piemonte.
Pochi ingredienti per un dolcetto tanto grezzo esteticamente quanto goloso al palato.

In realtà l'origine se la contendono il Piemonte e la Lombardia, comunque sia oggi i Brutti ma Buoni sono un dolce conosciuto e preparato, con qualche piccola variazione, in molte regioni italiane.

Solo 4 ingredienti e un po' di attenzione durante la cottura per portare in tavola dolcetti croccanti e friabili.

Sono perfetti da servire come fine pasto, per il thè delle cinque e in qualsiasi momento della giornata abbiate voglia di qualcosa di dolce da sgranocchiare.


Difficoltà: facile
Preparazione: 20 minuti circa
Cottura: 45 minuti circa 

Ingredienti (per circa 30 biscotti):
  • 4 albumi medi a temperatura ambiente (circa 150 g)
  • 200 g di zucchero
  • 300 g di nocciole tostate spellate
  • 1 bacca di vaniglia
Mettete nella planetaria gli albumi a temperatura ambiente e iniziate a montarli con la frusta.
Aggiungete i semi della bacca di vaniglia e, quando gli albumi sono bianchi e spumosi, a poco a poco aggiungete lo zucchero. Montate a velocità media ancora per qualche minuto fino a quando il composto diventerà una meringa soda e lucida.

Nel frattempo tritate le nocciole, dovete ottenere una granella di media grandezza.

Accendete il forno a 140°C. 

Unite la granella di nocciole alla meringa mescolando delicatamente con una spatola dal basso verso l'alto per non farla smontare.

Con l'aiuto di 2 cucchiai disponete su una teglia ricoperta di carta da forno un pò di composto mantenendo distanza un biscotto dall'altro.

Fate cuocere per circa 15 minuti a 140°C, poi abbassate il forno a 120°C e fate cuocere per un'altra mezz'ora. Controllate la cottura, dipende dal tipo di forno.


I Brutti ma Buoni devono asciugare, dorare e risultare friabili, non molli all'interno, considerate che raffreddando si induriranno ancora un pochino.

Conservateli in una scatola di latta e saranno gioia per il palato per diverso tempo!



se vi è piaciuto il mio post e volete ricevere gli aggiornamenti sui prossimi, potete seguire le mie pagine:





Nessun commento:

Posta un commento