se non vuoi perderti nemmeno un post...

domenica 14 maggio 2017

NIDO DI NOODLES, ZAFFERANO E GAMBERI SCOTTATI

Il cuore del fiore viola Crocus Sativus viene trasformato in pregiato zafferano grazie alle mani pazienti di abili donne e uomini: è così che nasce l'oro in cucina.
Per ottenere un grammo di zafferano si devono raccogliere circa 200 fiori e poi lavorarli con la massima attenzione per avere pistilli integri o una polvere pregiata.

Lo Zafferano in origine fu usato come colorante per i tessuti preziosi come la seta, o per dipingere affreschi. Successivamente è diventato un fiore officinale ed infine un ingrediente in cucina. Seguendo il filo di questa storia ho pensato di colorare i noodles.
I noodles sono una tipica pasta della tradizione orientale, un augurio di lunga vita, preparati per le cerimonie e i giorni di festa, lunghi e ripiegati su loro stessi. Li ho fatti diventare un nido, un luogo accogliente dove riporre i gamberi.
I gamberi hanno carni pregiate e delicate, i mesi migliori per acquistarli vanno da marzo a giugno e io ne vado pazza... come potevo non prenderli in considerazione!


Con questa ricetta partecipo al contest #CucinaconZaffy: nido di noodles, zafferano e gamberi scottati.
Lo Zafferano Zaffy è il prodotto di una accurata selezione delle migliori coltivazioni. Il gusto ed il colore sono il risultato dei procedimenti che nascono dall'antica tradizione abruzzese che si è protratta sino ai giorni nostri e che ha lo scopo di mantenere integre le proprietà del fiore.
La raccolta dei fiori avviene rigorosamente a mano, i pistilli vengono separati dal fiore ed essiccati entro il più breve tempo possibile a temperature controllate per preservare al massimo le pregiate qualità dello Zafferano.
[in collaborazione con Fuudly]
Ingredienti per 4 porzioni.
  • 250 g noodles
  • 0,13 g (1 bustina) zafferano biologico Zaffy in polvere
  • 0,3 g (1 confezione) zafferano biologico Zaffy in pistilli
  • 500 g gamberi 
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 arancia
  • olio extra vergine di oliva q.b.
  • sale q.b.
  • pepe, una macinata
Pulite i gamberi, eliminando con molta cura il carapace e l'intestino, mettete in una pentola testa e gusci. Aggiungete una cipolla, una carota, 1 litro di acqua e fate cuocere per circa 30 minuti, aggiustate di sale.

Ponete le code di gamberi pulite in un piatto fondo. Spremetevi sopra metà dell'arancio, salate e pepate. Lasciateli riposare in frigo per 15 minuti.

Quando il brodo è pronto, filtratelo e mettetene da parte 2 bicchieri in cui fate sciogliere lo zafferano in polvere. Mettete i noodles nella wok e, a fuoco lento, aggiungete poco alla volta prima il solo brodo e verso la fine della cottura dei noodles, uno dei due bicchieri di brodo in cui è stato sciolto lo zafferano.

Girate i noodles nella wok lentamente, aiutandovi con le bacchette per dividere le matasse. Poco alla volta diventeranno morbidi e si coloreranno di giallo zafferano.

Fate scaldare un filo d'olio extra vergine di oliva in una padella antiaderente e scottate velocemente i gamberi sui due lati, sfumando con il mezzo arancio rimanente insieme a qualche pistillo sbriciolato. Attenzione perché una cottura più prolungata potrebbe rendere le carni stoppose e togliere la meravigliosa delicatezza di questo crostaceo.


Componete i piatti: in quattro ciotole, formate un nido di noodles, mettete i gamberi nel cuore del nido e cospargeteli con gli altri pistilli di zafferano; versate il bicchiere di brodo e zafferano rimanente nelle ciotole.
Coordinate con attenzione i tempi così che noodles, gamberi e brodo allo zafferano siano serviti caldi.

Ora il piatto è pronto e potete iniziare a destreggiarvi con le bacchette. Vietato usare la forchetta!

Zaffy nasce nella meravigliosa terra d'Abruzzo e così ho pensato di abbinare questo piatto con un ottimo Trebbiano d'Abruzzo DOC che rappresenta il giusto connubio tra mari e monti, tipico del paesaggio abruzzese.


Ho pensato questa ricetta grazie agli amici di Fuudly che hanno lanciato il pregiato Contest Cucina con Zaffy e io non potevo perdere l'occasione d'oro per mettere alla prova la mia fantasia culinaria.



se vi è piaciuto il mio post e volete ricevere gli aggiornamenti sui prossimi, potete seguire le mie pagine: